lucilla giagnoni

la

misericordia


di e con Lucilla Giagnoni

Musiche Paolo Pizzimenti

Visual  Massimo Violato


si ringrazia:

Maria Grazia Panigada

Assessorato alla cultura di Bergamo



“Beati i misericordiosi, perché riceveranno Misericordia”


A partire dalla Misericordia come virtù della reciprocità, l’interpretazione di Lucilla Giagnoni ci guiderà in un percorso antropologico e spirituale: la beatitudine evangelica della Misericordia si erge a virtù morale e condivisa del vivere civile.


La rappresentazione dell’incontro tra fede e dimensione civica nella vita di comunità prende forma sullo sfondo del Duomo e del Palazzo della Ragione, luogo di intreccio tra l’autorità religiosa e il potere civile, per celebrare un valore condiviso, quello di Misericordia appunto, le cui radici affondano nella storia antica.

pacem

in terris


di e con Lucilla Giagnoni

Musiche Paolo Pizzimenti

Visual  Massimo Violato


LITTERAE ENCYCLICAE

PACEM IN TERRIS

SUMMI PONTIFICIS

IOANNIS PP. XXIII

AD PATRIARCHAS, PRIMATES, 

ARCHIEPISCOPOS, EPISCOPOS 

ALIOSQUE LOCORUM ORDINARIOS, 

PACEM ET COMMUNIONEM 

CUM APOSTOLICA SEDE HABENTES,

CLERO ET CHRISTIFIDELIBUS 

TOTIUS ORBIS ITEMQUE UNIVERSIS 

BONAE VOLUNTATIS HOMINIBUS: 

DE PACE OMIUM GENTIUM 

IN VERITATE, IUSTITIA, 

CARITATE, LIBERTATE CONSTITUENDA 


Mondializzazione, diritti umani, individuali e politici, diritti delle donne, dei deboli, delle minoranze, delle altre confessioni religiose, rapporti sociali, lavoro, educazione, cultura, Pace: sono i temi portanti della Pacem in Terris e i più vengono messi in luce per la prima volta.

Viviamo un tempo che stentiamo a capire. Forse è già capitato in passato di non riuscire a comprendere il presente, ma sicuramente queste nostre generazioni, nate dopo il grande massacro della seconda guerra mondiale stanno vivendo un evento unico nella storia di tutta l’umanità: la “mondializzazione”, fenomeno che nella sua degenerazione è ormai noto come “globalizzazione”.

Le conquiste della scienza, della tecnica, dell’arte sono ormai fenomeni mondiali, ma lo sono diventati anche i problemi e le difficoltà. E nessuno sembra avere soluzioni, perché non si trova mai il bandolo o dove siano le responsabilità. Ci sentiamo spezzati, impotenti, a brandelli. Così esplodono le crisi, i conflitti.

Shalom nelle Bibbia vuol dire “Pace” ma anche “tutto intero”: essere in pace significa essere sicuro o completo e, di conseguenza, essere amichevole o ricambiare. Shalom-Pace sembra contenere una speranza di completezza per l'individuo, all'interno delle relazioni sociali e per il mondo intero.

Solo nella Pace l’Essere Umano può essere interamente Umano.



francesco

e l'infinitamente

piccolo


di e con Lucilla Giagnoni

Musiche Paolo Pizzimenti


Francesco d’Assisi: la sua storia e la sua poesia

letture e ragionamenti

ispirati alla lettura del libro di Cristian Bobin



Francesco d’Assisi è forse la figura più sconvolgente che l’Italia abbia prodotto.

In lui si riassumono tutti gli aspetti meravigliosi di un mondo medievale,  per noi ormai perduto, che si schiude alla modernità.

E’ la nostra radice, il nostro antenato più nobile, più libero. Mondano e ascetico, combattente, sognatore, teologo e poeta, armato di una fede incrollabile, rivoluzionario fino al limite dell’eresia e nello stesso tempo capace della più umile obbedienza.

E soprattutto gioioso. Ancora oggi ci insegna ad amare e vivere intensamente ogni momento che la vita ci offre, soprattutto quelli, in questa nostra contemporaneità quasi incomprensibile, che ci sembra di non poter tollerare.

Francesco santo fra i santi è infatti un uomo, molto umano, con tutti i suoi difetti. In Francesco il santo e l’uomo sono tutt’uno. Per questo ci è così vicino.

Infinitamente grande e infinitamente piccolo in lui sono la stessa cosa.


Sono nata il giorno di San Francesco. E mi chiamo anche Francesca.

Quando ero piccola mi sentivo importante primo perché ero nata il giorno del patrono di tutti, del santo dei santi. E poi perché quel giorno, quando era appena iniziata, si stava già a casa da scuola.

Così il piccolo- grande, il folle- santo d’Assisi mi sta accanto da sempre.

vespri danteschi

lingua madre

stampa

fondazione nuovo teatro Faraggiana

pubblicazioni